Crea sito

Canale video Itinerari di sardegna

 

Comuni di Sardegna

 

Cultura Sarda

soprano Image Banner 234 x 60

Sardegna abbandonata

Lacanas

lacanas maschereLa società editoriale Domus de Janas è nata nel 2000 e si occupa di produzioni librarie e giornalistiche sui temi privilegiati dell’identità e della lingua della Sardegna.

 

Il suo direttore editoriale è il professor Paolo Pillonca, giornalista e scrittore tra i massimi esperti di lingua sarda e poesia improvvisata in sardo. (visita il sito)

Eventi in Sardegna

Ogni giorno nella nostra isola ci sono feste, sagre, eventi importanti ... se volete segnalare una festa del Vostro paese scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Agosto 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

×

Errore

There was a problem loading image su_battileddu_lula.jpg

There was a problem loading image mamutzones_samugheo.jpg

Maschere

Is Mustayonis e S'Orku Foresu - Sestu

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

mustayonis e s orku sestuI “Mustayonis e S’Orku Foresu” nascono nel 1997 come gruppo spontaneo costituitosi fra una cerchia di amici a livello locale. 
Nel 2001 dopo aver partecipato a diverse rassegne carnevalesche in vari paesi dell’isola il gruppo si costituisce in Associazione Culturale con l’intento di tenere vivi gli aspetti e i valori tradizionali del Comune di Sestu e d’incentivare lo studio, il recupero del Carnevale e delle tradizioni popolari sestesi e della Sardegna.

La dinamica della rappresentazione carnevalesca del gruppo è basata essenzialmente sulle pantomime de “S’Orku Foresu e is Mustayonis”, “su Jù e is Carrogas” e sulle mascherate de “su Pilloni Indoviadori” e de “sa Biza”.

S’Orku Foresu è la maschera zoomorfa che gli anziani ricordano nelle parodie carnevalesche antecedenti la Grande Guerra. Avvolto in una pelle nera d’animale, lunghe corna sul capo, “s’Orku” cammina carico di campanacci, legato alla vita da una corda tenuta all’estremità dai “Mustayonis”, che avanzano in gruppo armati di verghe d’olivastro e canne; vestiti con abiti smessi, sonagli e fazzoletti neri in testa. Durante il tragitto s’Orku tenta di sottrarsi al controllo dei guardiani e si dimena, ma viene strattonato, gettato a terra e percosso coi bastoni, mentre alcuni Mustayonis con fare grave battono rumorosamente le canne attorno a lui, gridandogli: ”Sr’Oku foresu pedditzoi”. Alla fine resterà esanime sul terreno, ma una manciata di paglia e un rivolo d’acqua gettati per terra lo faranno risorgere per cominciare da capo la sua pantomima.
Atmosfera magica e rituale, maschera animalesca destinata al sacrificio, sonagli apotropaici, canne sbattute, fazzoletti color lutto, strumenti sacrificali, spiriti dei campi e della fecondità, morte cruenta, acqua, terra e rinascita sono gli elementi essenziali su cui s’impernia questa rappresentazione, probabile residuo di un arcaico culto agrario atto a risvegliare la forza germinatrice della natura.
I Mustayonis sono anch’essi espressione del mondo agrario, perché nonostante la banalizzazione del significato etnologico del termine e del ruolo a cui questa figura antropomorfa era originariamente preposta, ancora oggi il “Mustayoni” sta a simboleggiare un fantoccio che si pone nei campi a salvaguardia del futuro raccolto al quale, oltre al banale compito di guardiano prescelto per spaventare gli uccelli, gli è attribuita una funzione magico-scaramantica e propiziatoria contro le carestie, gli spiriti maligni e il malocchio.

“S’Orku”, il misterioso personaggio “imbrigliato nella fune dei “Mustayonis” è invece la vittima sacrificale predestinata, probabile retaggio di un arcaico rituale atto a propiziare fertilità e abbondanza.

La rappresentazione de Su Jù cun is Carrogas riesuma un antico rituale della cultura contadina incentrato sull’aratura a scopo propiziatorio, che viene minacciata dalle cornacchie, quali simboli maligni che attentano al raccolto. I Mustayonis muniti di campanacci e pertiche in canna (zaccarredas) cercano invece di proteggere il seminato generando un forte rumore a scopo apotropaico, per allontanare i malefici uccelli ed esorcizzare qualsiasi entità maligna che possa danneggiare il prodotto.

La maschera de su pillon’indoviadori è rappresentata da un uomo mascherato, accompagnato da altre due o tre figure che suonano “su sulittu” e le “launeddas”, che porta con se una gabbietta con dentro un galletto, originariamente un gatto nero, che funge da “pilloni pisca indovinellus” e in una sorta di gioco divinatorio trae auspici e pronostici sul futuro della gente e in particolare delle ragazze, che sono invitate a estrarre da appositi monconi di canna collocati sulla sommità della gabbia gli indovinelli.

Visita la pagina del gruppo

Regioni storiche della Sardegna

Ricette Sarde

 

 

Metti mi piace per restare sempre aggiornato sui nostri articoli

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

I paesi che vi consigliamo ...

  • More Articles...

    Paesi della Sardegna

    • Castiadas (222)

      Castiadas è un comune italiano di 1.507 abitanti della provincia di Cagliari che si trova a 60 metri...

    • Zeddiani (238)

      Zeddiani (Tzeddiàniin sardo) è un comune italiano di 1.190 abitanti della provincia di Oristano in...

    • Gonnosnò (199)

      Gonnosnò è un comune italiano di 808 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna. Il comune è...

    • Olmedo (117)

      Olmedo (S'Ulumedu in sardo) è un comune di 3.937 abitanti della provincia di Sassari. Si estende...

    • Irgoli (354)

      Irgòli (Irgòli in sardo) è un comune di 2.334 abitanti della provincia di Nuoro. Visita il sito...

    • Lei (141)

      Lei 0 Lei è un comune italiano di 576 abitanti della provincia di Nuoro che sorge su una serie di colline poste...

Il Meteo

Meteo Sardegna

Newsletter

Cerca nel sito

Twitter

Questo sito (e/o i suoi sottodomini) o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.consulta la cookie policy. Cookye Policy